• Mar. Nov 29th, 2022

MD Expo

Notizie e news dal mondo del web

Differenza tra crypto e NFT

Differenza tra crypto e NFT

Il successo del mercato delle criptovalute ha aperto lo spazio per la creazione di nuovi formati di asset digitali, come il NFT, che ha attirato l’attenzione di numerosi investitori e ha movimentato miliardi di dollari nel 2021.

E poi, una delle domande che stanno sorgendo è: qual è la differenza tra NFT e criptovalute?

In questo testo capirete cos’è un NFT, come funziona e qual è la principale differenza tra NFT e criptovalute.

Che cos’è un NFT?

Qual’è il significato di NFT? È l’acronimo di Non-fungible Token.

L’NFT è un certificato digitale che utilizza il sistema di sicurezza blockchain, lo stesso usato nelle criptovalute, per memorizzare e rilasciare l’attestazione che un bene digitale è unico e originale.

In altre parole, NFT è in grado di trasformare qualsiasi foto, video, audio, musica, dipinto o qualsiasi altro oggetto in qualcosa di unico e che può rivalutarsi nel tempo.

Vale la pena ricordare che gli NFT esistono dal 2014, ma solo ora questo mercato sta guadagnando spazio.

Inoltre, come abbiamo detto, questi beni digitali sono unici o, in alcuni casi, fanno parte di collezioni limitate.

In breve, un NFT funziona come un codice collegato all’opera d’arte, in modo che le persone sappiano che è originale, unica ed esclusiva, come la Monna Lisa, ad esempio.

Che cos’è la criptovaluta?

Criptovaluta è il nome generico delle valute digitali decentralizzate.

In altre parole, le criptovalute esistono solo su Internet.

Per questo motivo non possono essere toccate, a differenza delle valute che già utilizziamo nella vita quotidiana, come il real, il dollaro e l’euro.

Di conseguenza, non possono essere conservati in portafogli fisici, casseforti o addirittura sotto il materasso.

Le criptovalute possono anche essere definite come una sorta di moneta virtuale decentralizzata, ovvero non esiste alcun ente o governo responsabile dell’intermediazione, del controllo o dell’autorizzazione delle emissioni e delle transazioni di queste valute.

Chi fa tutto questo sono gli utenti stessi, persone comuni sparse in tutto il mondo.

E qual è la differenza tra NFT e criptovalute?

Ora che sapete già cos’è l’NFT, viene da chiedersi: “bellezza, ma allora qual è la differenza tra NFT e criptovalute?”.

Lasciateci rispondere per voi!

Le criptovalute, come ad esempio il Bitcoin, sono beni fungibili.

In altre parole, se inviate un Bitcoin, la persona può restituirvi un’unità della criptoattiva e, così facendo, continuerà ad avere lo stesso valore.

Inoltre, le criptovalute sono anche divisibili.

Ciò significa che è possibile inviare frazioni a qualcuno.

Nel caso di NFT, tuttavia, è come abbiamo detto: si tratta di un unico asset e non è possibile dividerlo.

In altre parole, non si può scambiare il gettone non fungibile di un’opera di Leonardo da Vinci, per esempio, con un altro simile, perché c’è solo una Monna Lisa.

Non è inoltre possibile trasferire metà di un dipinto o un terzo di esso a un’altra persona.

Blockchain: la tecnologia che riunisce tutto

La tecnologia alla base di un NFT e di una criptovaluta è la blockchain.

Si tratta di un sistema che funziona come un grande database, dove è possibile inviare beni, contratti e file digitali senza intermediari e da qualsiasi parte del mondo.

In questa rete, le informazioni vengono caricate in blocchi di codice generati online.

Una volta inserite all’interno di questi blocchi, le informazioni non possono cambiare e non se ne vanno.

È bloccato e non è legato al nome di una persona o di un’azienda, ma a dei numeri.

Questo perché in questa rete tutto è criptato, cioè c’è uno strato di codici di sicurezza che impedisce alle informazioni di uscire da questi blocchi.

Ogni blocco di informazioni viene sigillato in un altro, formando una catena – da qui il nome (block = blocco, chain = catena).

Chi controlla le informazioni e chiude i blocchi sono i minatori, persone o aziende sparse in tutto il mondo che utilizzano supercomputer per far funzionare il sistema.

È come se una transazione effettuata su questa rete fosse messa in cassaforte.

Il minatore è la persona che controlla cosa c’è nella cassaforte, chiude la porta in modo che nessun altro possa aprirla e collega questa cassaforte a una catena di altre casseforti per sigillare la transazione – da qui il nome “blockchain”.